lettera-aperta-di-un-medico-al-generale-figliuoloil-senso-della-vita-è-il-viaggio-non-la-meta lettera-aperta-di-un-medico-al-generale-figliuoloil-senso-della-vita-è-il-viaggio-non-la-meta
Maurizio Dossi - IL BLOG 

Maurizio Dossi - Il mio BLOG

Home Page

Il senso della vita è il viaggio, non la meta. Quella dipende dal tuo viaggio!

Perchè ho scelto questa immagine come Logo (o Avatar) delle mie Pagine? E queste parole?
Perchè io sono appassionato di Montagna. Con la Montagna non puoi mai scherzare. Essa è seria. Non ammette errori. Non ammette leggerezze. Allora ti sarà amica, ma chiederà sempre che qualcuno ti indichi la giusta Strada. A questo servono le Guide Alpine. A questo servono le Persone che hanno passato esperienze magari da soli e "sanno già" la strada giusta. E ti danno la mano. 
Indicare a chi è inesperto la via giusta è un servizio. Come me, montanaro di vocazione, come le Guide Alpine che ti accompagnano e danno pure una mano nei punti in cui da solo non ce la faresti. Si. E' una incoercibile vocazione. Come essere Medico.

Medjugorje.

E' giunta l'ora?

Il tempo degli avvenimenti che la Vergine Maria ha rivelato a Mirjana Dragevic, sedicenne nel 1981 ed ad altri ragazzini un pomeriggio di Giugno sta per compiersi.

Il 24.6.1981 verso le ore 18, sei giovani della parrocchia di Medjugorje, Ivanka Ivankovic, Mirjana Dragicevic, Vicka Ivankovic, Ivan Dragicevic, Ivan Ivankovic e Milka Pavlovic, hanno visto sulla collina chiamata Podbrdo, apparire, una figura bianca con un bambino nelle braccia. Sorpresi e spaventati, non si sono avvicinati ad essa.   Il giorno dopo alla stessa ora, il 25.6.1981, quattro di loro, Ivanka Ivankovic, Mirjana Dragicevic, Vicka Ivankovic ed Ivan Dragicevic, si sono sentiti fortemente attirativerso il posto dove, il giorno precedente, hanno visto quella che hanno potuto riconoscere come la Madonna. Marija Pavlovic e Jakov Colo li hanno raggiunti. Il gruppo dei veggenti di Medjugorje fu così definitivamente formato. Da questo giorno, hanno cominciato ad avere apparizioni della Vergine, insieme o separatamente. Milka Pavlovic ed Ivan Ivankovic non hanno mai più visto la Madonna.
È nata il 18 marzo 1965 a Sarajevo da Jonico, radiologo in un ospedale, e da Milena, operaia. Ha un fratello minore, Miroslav. Ha avuto le apparizioni quotidiane dal 24 giugno 1981 al 25 dicembre 1982, quando la Madonna le ha comunicato il decimo dei segreti che riguarderebbero il futuro dell’umanità. Durante l’ultima apparizione quotidiana la Madonna le ha promesso che le sarebbe apparsa per tutta la vita una volta all’anno, n el giorno del suo compleanno, il 18 marzo. È così dal 1983. Ma dal 2 agosto 1987 Mirjana vede la Madonna e prega con Lei per i non credenti ogni 2 del mese. E, dal 2 gennaio 1997, tale esperienza non è più esclusivamente privata: Mirjiana conosce l’ora in cui la Madonna viene, dalle 10 alle 11, e tale incontro di preghiera è aperto anche ai fedeli. Sposata dal 16 settembre 1989 con Marco Soldo, nipote di padre Slavko, ha avuto due figlie: Marija, nata l’l dicembre 1990, e Veronika, il 19 aprile 1994. Attualmente fa la mamma a tempo pieno, mentre il marito tiene rapporti di intermediazione tra aziende croate e società estere. Abitano a Medjugorje.


Qui sotto il link per ascoltare una sua testimonianza data a Trieste nel 2013. Nella Chiesa di Santa Maria Maggiore detta "Dei Gesuiti" a Trieste. Ascoltandola potremo capire l'essenza dello spirito che muove queste persone scelte da Dio per invitare il mondo alla conversione all'Amore del Figlio di Maria di Nazareth, il Cristo Gesù e credere nella Salvezza in Lui.
Testimonianza di Mirjana Dragicevic, Trieste 9 febbraio 2013

Maurizio Dossi - IL BLOG

Qui sotto riportavo la Lettera Aperta al Generale Figliuolo. Lettera la quale evidentemente è stata del tutto inascoltata. L'Italia corre verso la sua eliminazione come Nazione e Stato sovrano alla stessa velocità di una Bugatti motore da 12.000 Cv a 420 Km/ora (massima velocità del modello top di gamma costo 3,4 Mln di euro) contro un muro di acciaio misto uranio impoverito tungsteno cromo titanio vanadio. Spessore 10 metri. Risultato: I frammenti saranno ritrovati su tutto il pianeta. Meglio pensare a quando l'Italia era Nazione e Stato sovrano e mio Padre meritò una Medaglia al Valor Militare sul Campo nella Battaglia detta di "Mezza estate" tra il 15 ed il 16 giugno 1942.  Il Duce in persona quale Capo di Governo gli appuntò come a molti altri Ufficiali e Sottufficiali di quello Scontro navale la Medaglia sulla Divisa d'ordinanza.. Ad equipaggio schierato.  

Link al : Tribute to my Father. Poiché gli antichi eroi sono la unica cosa che ci resta. Questo Paese ormai non è recuperabile: è putrefatto. La sua puzza si sparge per tutto il mondo. Auguri e buona vita.

A tribute to my Father .

HOME PAGE del mio BLOG

Argomenti vari, alla "di tutto un pò, qualcosa". Accenni al mio vivere, al mio vissuto, oppure alcuni "copia. - incolla" di Post dal buon Facebook dal quale - dopo 12 anni di fedele frequentazione, dopo aver creato una quindicina di Gruppi e pagine di vario argomentare - il NWO, il Transumanesimo imperante, han deciso di disfarsi di me. Peggio per loro, tanto le mie amicizie VERE mi seguono "Fino al Polo Nord", come ebbe a dire una mia Paziente, Signora affettuosa e molto dolce. A persone come lei, devo il desiderio di continuare a scrivere. Aspettano qualcuno che non inganni la gente con mezze verità, a costo di rimetterci del proprio. 

Grazie, Amici Veri! 

**Per molte delle immagini di Trieste pubblicate ringrazio Davide Dossi **

Maria, Madre della Nuova Evangelizzazione

Io sono nato QUI, 

tutta la mia vita è nata QUI... 

Senza questa esperienza, io... e tutto ciò che sono.. nulla. 
Grazie, Francisco, grazie, Carmen, e tu Stefano, Enrico e... una moltitudine
con cui abbiamo camminato. 

Dal Viaggio alla Terra Santa

Dove assieme abbiamo dormito, celebrato, pregato, ballato, riso, pianto...

siamo divenuti Cristiani, assieme

Incrociatore Defeder HMS entra in acque RUSSE

Prvocazione che avrebbe ptuto determinare un reazione russa

del tutto legittima


Conferenza stampa annuale con gli addetti stampa.

Il Presidente Putin così calmo, consapevole della idiozia dei nostri governi occidentali

"IO STO CON PUTIN"


In queste risposte si nota la intelligenza, la lucidità e la competenza geopolitica di Vladimir Putin. Il pìù grande Leader che il Pianeta abbia in questo periodo storico.

Il 30 giugno il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto una

Linea Diretta”, rispondendo alle domande dei giornalisti.
È durato 3 ore e 42 minuti.

Il capo dello Stato ha risposto a 68 domande. I principali argomenti di conversazione sono stati le vaccinazioni, l'aumento dei prezzi e i benefici sociali, ma hanno anche menzionato la NATO, l'HMS Defender del Regno Unito e altro ancora.

Per quanto riguarda la NATO e il Regno Unito, Putin ha affermato che la Russia avrebbe potuto affondare l'HMS Defender, senza fare domande, perché è entrato illegalmente nelle sue acque territoriali senza per questo iniziare la terza guerra mondiale e ha accusato Washington di un ruolo nella "provocazione".

Putin, parlando durante la sua sessione annuale di domande e risposte con gli elettori, ha mostrato sdegno per quella che ha definito "una provocazione" progettata per rivelare come le forze russe in Crimea reagiscono a tali intrusioni.

Quando è stato chiesto se il mondo si fosse trovato sul precipizio della terza guerra mondiale durante lo stallo, Putin ha detto:

"Certo che no".

"Anche se avessimo affondato la nave, è difficile immaginare che il mondo sarebbe stato sull'orlo della terza guerra mondiale perché coloro che lo fanno (la provocazione) sanno che non potrebbero uscire come vincitori da una guerra di tale portata", ha aggiunto. .

“Questa è una cosa molto importante. – ha sottolineato Vladimir Putin. – Non credo che saremmo contenti dello sviluppo dell'evento di cui parli, ma almeno sappiamo per cosa stiamo lottando: siamo nel nostro territorio, stiamo lottando per noi stessi, per il nostro futuro”.

Putin ha accusato gli Stati Uniti e la Gran Bretagna di aver pianificato insieme l'episodio, dicendo che un aereo spia statunitense è decollato dalla Grecia lo stesso giorno per vedere come la Russia avrebbe risposto alla provocazione della nave da guerra britannica.

“Era ovvio che il cacciatorpediniere è entrato (nelle acque vicino alla Crimea) perseguendo, prima di tutto, obiettivi militari, cercando di usare l'aereo spia per vedere come le nostre forze avrebbero fermato tali provocazioni, per vedere cosa si attiva e dove, come funzionano le cose e dove si trova tutto.”

“Perché la nave da guerra britannica è entrata nel nostro territorio nel pomeriggio, e la mattina presto, alle 7:30, un aereo spia americano è decollato da uno degli aeroporti militari della NATO in Grecia – da Creta, secondo me queste cose sono collegate ," ha detto.

Putin ha detto di aver visto un elemento politico nell'incidente, avvenuto poco dopo aver incontrato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden a Ginevra.


“L'incontro di Ginevra era appena avvenuto, quindi perché era necessaria questa provocazione, qual era il suo obiettivo? Per sottolineare che quelle persone (americani e britannici) non rispettano la scelta della Crimea di aderire alla Federazione Russa”, ha detto.

Il leader russo ha accusato Londra e Washington di mancanza di gratitudine, dicendo che all'inizio di quest'anno aveva dato l'ordine alle forze russe di ritirarsi dai confini dell'Ucraina dopo che il loro accumulo aveva suscitato preoccupazione in Occidente.


"Lo abbiamo fatto", ha detto Putin. “Ma invece di reagire positivamente a questo e dire 'OK, abbiamo capito la tua risposta al nostro brontolio' – invece di quello, cosa hanno fatto? Hanno fatto irruzione attraverso i nostri confini".


Pfizer Biontech

Il "Vaccino" al quale gli altri hanno fatto la guerra

(Chissà perchè)

Sono Medico dal 1979. Conosco i miei polli. Una volta mandai via seccato un rappresentante che no. Il suo mestiere non lo sapeva davvero fare. Voleva propormi i suoi intrugli ma io stavo spiegando con pazienza che guardi, si, saranno datati, ma questi farmaci funzionano e ancora bene. Inoltre - ebbi la pessima idea di dirgli - uso anche ... e citai qualcosa.

Lui fece un errore che nessun rappresentante avrebbe dovuto mai fare. Disse: Ma Dottore, "quella roba" ormai non la usa più nessuno! con l'aria di dire: ma lei è davvero un medico che usa porcate.

Tranquillo, anche se avrei voluto scazzottarlo, mi alzai. Dissi: Il nostro coloquio finisce qui. La prego, eviti di farmi altre visite.

Si ritrovò sul marciapiede, fortunato perchè la porta dello studio dava sulla pubblica via.

No. Non si fanno certe cose. Come nel caso del vaccino

Pfizer Biontech

Che io accompagnerei subito alla porta se la Von der Layen me lo permettesse. Ecco, cara Ursula. Lei è come quel rappresentante, perchè vede. E' stato scoperto che la Biontech tutta tedesca, ha un vizietto. Quella cosetta li che non vi passa davvero mai a voi tedeschi (e popolazioni limitrofe), di sterminare la gente, o forse pure voi stessi.

Eh già perchè avete fatto in modo che la la Astra Zeneca non ce la facesse a procurarvi tutte le dosi promesse. Ma perchè mai? E come mai tutti quei contratti secretati? eh una ragione c'è. Vero Ursula, mia cara? Mentre il mRNA veicolato dal virus della scimmia Rhesius non porta con se nulla altro che il messaggio più o meno esiziale, come il file .exe di una stringa di DOS tipo C.\format*\* più invio. Voi tedeschi o assimilati tali il fatto di sterminare la gente vi dà gusto vero? COOMEE? Non lo sa, cara Layen? Ma con le molecole di Al trattato come i farmaci al Platino antiblastci a 80 Gradi sotto-zero in ambiente super magnetico. L'Alluminio diventa superconduttore, magnete potentissimo, tanto che girano virali anch'esse le foto di cucchiaini che si attaccano alla pelle, al di sopra dei linfonodi. Siamo magnetizzati. Non solo. Siamo rilevabili con il Bluetooth, siamo in pratica intossicati da una iniezione di Alluminio con funzioni antiblastiche il quale in un paio d'anni... si cara Ursula, due anni, ci riporterà al creatore. Che farai Ursula con la tua Europa popolata solo da cani, gatti, mussulmani che il vaccino non se lo fanno manco morti? Ti ritirerai nel tuo castello fatato in Baviera circondata dai Cloni di Guerre stellari? Tutta sola? Ah no anche la Merkel, la nipote del Fuhrer, dicono... una certa somiglinza... tra tutte voi donne mie, si.. c'è. Il tutto mentre al fine che non s'interrompa la catena del freddo Carabinieri a sirene spiegate hanno portato allo Spallanzani il veleno.

Ma sono solo io l'unico medico a sapere queste cose? Nessuno?

TOC TOC...

No. Nessuno. E, tra un paio d'anni, ci saremo noi, (io NON mi vaccino, se lo ficchino nel kulo pure a barili gli altri) cani, gatti, qualche islamico. Magari faremo ecumenismo, tanto pochi saremo rimasti. Tanto anche loro venerano Maria Vergine!


ORA, DI COLPO, TUTTI CONTENTI!

PERCHE'?

MA E' OVVIO, TUTTA L'ITALIA (O QUASI)

E'... ZONA BIANCA!


Eh bravi! Bravo Draghi. Bravo Speranza! I miei devoti complimenti al Generale degli Alpini Figliuolo, che considero mio Superiore. e che credo non sappia nulla di ciò che in realtà siano questi pseudo vaccini. Ha fatto ciò per cui è stato chiamato. Amen. E un Miserere.
MA VOI, POLITICI CHE AVETE AGITO CON LA COPERTURA COMODISSIMA DELLA OMS, QUINDI SIETE DEL TUTTO INNOCENTI, VERO?

Comodi comodi, a voi hanno iniettato soluzione fisiologica! Avete certo partecipato a riunioni con cene di lavoro. Mio dio che fatica questa pandemia... No, non rido. Piango. Su ciò che vi aspetta. Sul giudizio Santo di Dio. Poichè tutti quelli ai quali il cranio si è riempito di sangue o sono morti nel sonno e non so cosa... sono MILIONI! MILIONI cari Signori. E' un dato scientifico che viene dagli USA. E mentre negli USA hanno bloccato il Vaccino Johnson & Johnson qui in Italia no!

Chissà perchè. Forse fu Renzi, sponsor Obama a NewYork in quel dannato meeting anno 2014 nel quale chissa in base a quali promesse l'Italia divenne il CAPOFILA DI 40 NAZIONI, Europee e non. Riguardo al nuovo calendario vaccinale Glaxo. Dalle nostrer antiche officine Sclavo una ottima Trivalente fu trasformata in mostruoisità. La INFARIX EXA. Un accumulo nella stessa siringa di sei antigeni da iniettare entro il primo anno di vita. Caldamente raccomandati altri 4. Assolutamente ridicole le affermazioni della nemmeno laureata in nulla più niente MinisTRO (non ministra, che sa di zuppa, impariamo l'italiano giornalisti imbecilli) Lorenzin. La quale si rese ridicola davanti al mondo intero per due anni di fila millantando epidemie mortali di morbillo a Londra e ad Edimburgo, " MILLE BAMBINI SONO MORTI DI MORBILLO; LA GRENTE LO IGNORAAA !!!! " No, Ministro, alla seconda violta quasi il Regno Unito ritirava l'ambasciatore e ci mandava le famose cannoniere perche' in due anni si era contato UN SOLO DECESSO e anche quello in età adulta... Chi è la ignorante, (Non Dottoressa) Ministro Lorenzin?

Da quell'evento maledetto si aperse l'era della Big Pharma..... ed ora....

Ridi, ridi... finchè puoi.... Guantanamo forse riapre anche per gente come te...caro Bill, che non sai nemmeno scrivere una stringa in DOS e del Windows ti ha preso noia. Mentre fare le punture al culetto del tuo orsacchiotto preferito... nemmeno quelle ... Oh, man! D'yu know what's is a vaccine? In first time, are Lymphocytes A? or B? or T moving solutions? YOU DO NOT KNOW? Oh my god, please, miserere nobis! The same when Mr Edison didn't know Ohm Theorema! (oh my god, I don't remembember now... In Justice Law Bebt!!!

Il primo passo per distruggere la libertà di un popolo è distruggerne l’identità. Per abbattere un albero, tagliare le radici. Occorre ridicolizzare la religione di quel popolo, con uno stillicidio continuo di minuscoli gnomi, sedicenti intellettuali, cantanti, presentatori, attori, registi, fotografi, pubblicitari, artisti postmoderni, giornalisti, scrittori, eccetera con uno stillicidio continuo di odio e sarcasmo.

La storia di quella religione e la storia di quel popolo viene ridotta ai suoi episodi peggiori, ovviamente enfatizzati e i fiumi di gloria vengono cancellati. Questa Europa ogni istante più ridicola nega il cristianesimo e si apre all’islam più radicale, di cui cela la realtà. La generazione Bataclan colora i marciapiedi con i gessetti e canta Imagine.

La nostra storia è infangata, ridotta al suo peggio, perché la generazione fiocco di neve, l’ultima, possa credere che è meglio vergognarsi della propria storia. Per abbattere un albero occorre sradicarlo. Dopo aver abbattuto la sua religione e infangato la sua storia, occorre recidere il legame con la terra. La terra non deve più essere coltivata: le quote latte hanno ammazzato le nostre vacche, buttiamo le arance perché quelle straniere costano meno, il 60% dei nostri pelati è made in Cina, gli agricoltori si suicidano. La terra non deve essere più amata. Ora il legame deve essere spezzato. Erasmus, scambi culturali, il mito del migrante come elemento sempre positivo, mentre chi resta a combattere per la propria terra e a farla fiorire non raccoglie simpatie, servono a creare l’apolide, lo sradicato, il fiocchetto di neve che non combatterà mai per nulla.

L’annientamento dell’identità territoriale, dell’identità storica e dell’identità religiosa sono venduti come apertura al mondo, in realtà servono a creare un’umanità intercambiabile, incapace di combattere, manipolabile, un mondo di consumatori che riempiranno con lo smartphone e la cannabis legale la lunga fila di giorni che li separa dalla tomba. Quanto un popolo è in ginocchio lo si deduce dal tasso di natalità basso e dal tasso di suicidio alto. Ritorniamo alla terra. Noi siamo noi, noi siamo la nostra storia, noi siamo la nostra fede. Noi siamo noi, e questo non vuol dire che siamo migliori degli altri, esattamente come amare la propria famiglia ed esserne fieri non vuol dire voler schiacciare gli altri, ma noi siamo noi. Ogni popolo ha diritto alla sua storia, alla sua religione e alla sua terra.

Questo vale anche per noi.Alla prossima catastrofe non aspetteremo più il suono della campane. Saremo soli.



Ci aspetta : L'Era del >Cinghiale Bianco.

Insegnamenti di vita

VIVERE SENZA GIUDICARSI 

Impariamo ad accettare la

"nostra piastrella"! 

La PIASTRELLA è il nostro spazio, rappresenta idealmente la nostra vita con i suoi limiti. Quella vita OGGI abbiamo ed è importante restare in equilibrio su di essa. Noi però costantentemente siamo tesi al confronto con le vite degli altri, ed in questo atto vi entrano il desiderio di mutare la nostra vita "in meglio", il rifiuto di realtà che ne fanno parte, il non accettare gli eventi.
Vorremmo essere sempre "da un'altra parte" e mai ci soffermiamo a contemplare le bellezze, la Grazia del nostro vivere. Ma questo comporta mutamenti anche alivello fisico. Per non cadere, dato che i nostri "piedi" mentali non ne possono uscire noi ci sporgiamo con la mente (ma ciò si ripercuote sul corpo!) al di fuori del perimetro del nostro limite. Scoliosi, alluce valgo, molti disturbi osteo articolari sono dovuti a questa incapacità di stare ritti dove siamo e nello sporgerci altrove ci ritroviamo con somatizzazioni nel nostro corpo dovute alla non accettazione della nostra realtà. In questo audio-video cerco di spiegarlo. 

Insegnamenti di vita

La giovane canna in Hokkaido

Ero un ragazzino quando, nella mia iniziazione a Judoki, ebbi un Maestro cintura nera. Un carabiniere che ci insegnava la nobile Arte dello Judo. Ricordo che mi piaceva, mi appassionava ed al secondo anno presso la nobile Sede della Società Ginnastica Triestina il mio Maestro già mi faceva venire un'ora prima per assisterlo con i ragazzi del Primo Anno! Una cosa non mi scorderò mai. L'esempio che ci fece di una giovane agile canna in Hokkaidò, la più setentrionale delle Isole dell'Arcipelago di Cipango, nella quale, in inverno nevica... 

Insegnamenti di vita

Avere avversari, non NEMICI 

Nel momento in cui dobbiamo affrontare la presenza di una persona ostile o con la quale abbiamo un rapporto "al limite" entriamo in ansia. I nostri pattern di frequenza cerebrale salgono oltre i 20 Hz. La nostra neuroipofisi secerne ADH ed il cortisolo e la adrenalina scorrono nelle nostre vene. 
NO! 
Non è questa la tattica giusta. Che davanti a noi ci sia un essere umano fonte di tutto ciò oppure un invisibile forma virale, contro di esse siamo già ben vaccinati. Ascoltiamo come si possa giungere a tutto . TECNICA DI COMBATTIMENTO. Nelle "ARTI" Marziali il pensiero orientale distingue a volte tra "Nemici" ed "Avversari". La differenza è essenziale. La parola NEMICO infatti evoca una minaccia, fisica o psichica. Una persona, o una istituzione umana ma anche i nostri pensieri ricorrenti, le SUGGESTIONI. In questo periodo le suggestioni sono molto forti. Molti parlano di "limite di rottura". La gente in Francia scende in strada e sfida la Polizia. Ma il primo nemico da sconfiggere e' dentro di noi. La parola NEMICO evoca ODIO, RANCORE, RISENTIMENTO, AGGRESSIVITA'. Tutti questi atteggiamenti della mente fanno si che viviamo male, con il cervello in "ALLARME ROSSO". costantemente orientato alla reazione di "PAURA - ATTACCO E/O FUGA". L'incremento del cortisone abbassa le nostre difese immunitarie mentre la adrenalina aumenta gli zuccheri nel sangue, accelera i battiti cardiaci ed aumenta la pressione minima. SE INVECE CHE "NEMICO" INVECE MUTIAMO LA PAROLA IN "AVVERSARIO" ALLORA la situazione cambia radicalmente. Nelle ARTI Marziali siamo Artisti. Non e' più allora un combattimento ma un confronto. Prevede la meditazione 8che si pratica nelle Arti Marziali) l'equilibrio della Mente e del Corpo. La tranquillità. La consapevolezza che NOI SIAMO IN GRADOI DI SOSTENERE IL CONFRONTO.
SE TUTTO CAMBIA DENTRO NOI, TUTTO CAMBIA ANCHE FUORI DI NOI

Chi sono, da dove vengo ?


Facile scrivere di se stessi... son nato a.. ho studiato dove... mi son laureato in .. sono sposato o meno... No. Non lo scriverò qui. Mi presenterò cammin facendo. Poichè io posso scrivere tutto ed il suo contrario di me stesso. Ma chi legge, quale beneficio ne avrebbe? Poco, credo. E questo per due motivi. Dietro a ciò che potrei scrivere di me, può nascondersi tutt' altro. Dietro a ciò che voi leggete, vi sono i vostri preconcetti. Tutti ne abbiamo. Poichè guardiamo spesso senza VEDERE. Ascoltiamo, ma non comprendiamo. Leggiamo anche e filtriamo tutto attraverso le nostre categorie mentali. Io scriverò. Voi capirete. Ma non siete obbligati nè a leggere nè a capire. La mia speranza è che scrivendo un Blog io possa trasmettervi il mio vissuto. Ciò che di me ha importanza. Il resto, è solo carta scritta.
La Vita, quella reale, quella è un'altra cosa. L'unica che conta. Ed è quella che spero di riuscire a comunicare.

Tramonti a Trieste
(Davide Dossi)

Riflessioni de un " Triestin patoco "

Sulla nostra Storia, quella di unico Porto Commerciale dell'Impero Austro Ungarico.
Sotto: Il Castello di Miramare. Voluto e Costruito dall'Arciduca Massimiliano d'Asburgo. Il quale diretto con il suo Yacht d'Altura in quel di Trieste, nella Baia di Grignano trovò rifugio sicuro da improvvisa procella. Accolto con onori grandi dai pescatori della Baia, al mattino fattosi tempo limpidissimo, volle salire al di sopra di essa e vide una radura dalla quale a picco sul mare poteasi godere meravigliosa visione. Lì volle costruire il Castello che ora è aperto al pubblico, con splendido grande parco nel quale vi sono specie rare di piante d'ogni dove. Da lì partì per tragico destino con la sua Nave il Novara verso il Messico di cui divenne Imperatore. Catturato dai rivoltosi fu ivi fucilato e riportato a Trieste con la sua Nave. Fu Fratello amato del Nostro Imperatore Francesco Giuseppe. 

CITAZIONI DA FILM

Spesse volte, i film anticipano un futuro prossimo. Blade Runner, Matrix: Realtà virtuali, la trasformazione di Robot in Androidi e di esseri umani in esseri ibridi uomo - macchina. A volte qualche protagonista, Roy Batty nel presente, ci ha donato versi quasi  del tutto improvvisati. Colpiscono però per la loro infinita tristezza mista a struggenti ricordi. 

Dal film Blade Runner

“Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi. Navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione... e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia È tempo di morire."

Rutger Hauer: Ultime parole prima di morire
 Ray Batty
QUANDO RAGGIUNSI IL MIO SCOPO

Il mio primo intervento di VERA RIANIMAZIONE,

"IN SOLITARIA"!

Per diventare medico ho studiato sei anni, 32 esami tra i quali "roba" come Patologia Medica, esame che richiede una clausura di 5 mesi, dei quali tre con clausura un po' libera, e due con clausura stretta.  Diventai studente interno in Biologia della Cellula ed Embriologia con il Prof. Comoglio di Torino. La sua Equìpe era nota tra tutte le equipes che nelle Università di tutto il mondo studiavano la struttura e la funzione della <<membrana cellulare>>
Poi divenni Studente interno in Patologia Chirurgica, con il Prof. Leggeri scomparso pochi mesi fa (siamo nel 2021, Maggio)  che fu allievo del "mitico" Prof. Valdoni. Come Assistente - Tutor avevo il Dott. Tenze, persona molto umana e molto profonda nel pensiero e dalla cultura umanistica molto vasta. Alla fine  decisi di entrare studente interno nel Servizio di Anestesia e Rianimazione e fu in quel luogo che la mia esperienza si maturò. Vidi per almeno due anni casi medici e chirurgici che certo nessun medico di famiglia vede giornalmente. Tentati suicidi, politraumatizzati, edemi polmonari acuti, ben due casi di tetano. Ma ciò che vidi - che ebbe poi una importanza decisiva per ciò che sto per scrivere -  furono due casi di Sindrome di Guillain - Barrè. Si tratta di una Sindrome nella quale anticorpi creatisi verso una pur banale infezione virale, dopo alcune settimane iniziano di colpo, senza preavviso, a colpire le cellule del midollo spinale, provocando una improvvisa paralisi che può essere progressiva o fulminante. Ed arrivò "quel" pomeriggio. il MIO, il NOSTRO pomeriggio, di Lei che ancora oggi mi chiama "Il mio Dottore". 
Era la terza guardia che facevo da solo. Dopo un anno di Tirocinio come Medico con funzioni di Anestesista Rianimatore nel Servizio omonimo dell' Istituto di Ricerca e Cura Materno Infantile di Trieste. Il Prof. Domenico Del Prete, Direttore del servizio, era stato un grande insegnante ed aveva una grande fiducia in me, tanto da mettermi subito di guardia da solo dopo un anno di tirocinio e quasi sei mesi di pratica quale  Assistente Incaricato. Ormai avevo affrontato tutti i casi, ordinari ed urgenti che potevano presentarsi. Ma ancora no! Non quello che stava per accadere.  Il periodo era fine Giugno o inizi di Luglio. Parlo del 1981. Lei, la ragazzina, 17 anni, la avevo già notata per caso  nel Reparto di Clinica Pediatrica pochi giorni prima. Ricoverata per improvvise crisi di debolezza. I colleghi pediatri la volevano trasferire in Neurologia, non avendo trovato nulla agli esami e visite varie. Né io né Lei potevamo sapere che dopo pochi giorni ci saremmo rivisti ed avremmo combattuto assieme la Grande Battaglia. Quella in cui l'Angelo della Morte viene. E ti porta via. 
Ricordo tutto come in un film. Tutto. Ambiente, voci allarmate, Il divanetto della nostra cameretta con servizi, che ci ospitava durante i lunghi turni di Guardia dopo aver finito visite, terapie, urgenze. Erano esattamente le 15.15 di un Sabato. Mi ero steso a dormicchiare un po' alle tre. pochi minuti prima. Fui svegliato dal bussare impietoso della Caposala e dalla sua voce allarmata che mi diceva che mi aspettavano immediatamente su, in Neuropsichiatria infantile. Mi alzai di corsa, come quei Piloti da Caccia che riposano e suona l'allarme di "Scramble" (*). Con gli F104 pronti al decollo già in pista  con i motori accesi.  Io invece le mie armi le avevo tutte in una cassettina grande e pesante ripiena di agocannule, mascherine per O2, un pallone di Ambu, un laringoscopio, tubi endotracheali, insomma tutto ciò che avrebbe potuto servirmi per rianimare chiunque lontano dalla nostra Rianimazione. Arrivai di corsa. Il Collega Dottor Pocecco, amico e ottimo pediatra di guardia pure lui era già li che mi attendeva. Chiamato prima di me, ma non essndoci alcun medico di turno al pomeriggio di Sabato in Neurologia, nemmeno lui sapeva cosa fare. Solo, si era accorto che era davvero il caso di chiamare un rianimatore. La ragazza stava per volare lontano. Molto. Molto lontano. Teneva il polso a Lei. La "ragazzina". Quella delle debolezze improvvise.
In quel momento imparai. Un Medico Rianimatore o scappa da queste situazioni, cambia indirizzo medico, oppure diventa una persona completamente priva di emozioni nel momento in cui la loro presenza è superflua. Dannosa. Non ti fai più idee. Fantasie. Non pensi a nulla che non sia compresa all' interno di una strana "bolla esistenziale" che avvolge solo te e la persona di cui ti devi occupare. Non lo avevo mai sperimentato prima. Non conoscevo questa parte di me.  La mente si svuota. Esisteva solo Lei. Esistevo solo io, l'unico in grado in quel momento, l'unico capace di tirarla fuori dal Tunnel che vedono coloro che stanno morendo come riferito da tanti. Tornati indietro a raccontarlo nelle NDE (***). L'istinto ti aiuta. O sei una preda o sei un cacciatore. Se sei il cacciatore l'istinto ti dice: "Prendi una vena. SUBITO !". "Ecco, li sulla mano" mi dissi. La prima cosa. La più necessaria poichè se il cuore si ferma le vene collassano. Per una cannula non c'era tempo, Lei era cianotica e non si muoveva più. Infilai un Butterfly 21G in quela vena. In quell'istante forse l'unico "cordone ombelicale" che avrebbe potuto salvarla. Era una "bella"  vena che notai sul dorso della mano sinistra. (Noi medici rianimatori abbiamo del "Bello"" valori un pò diversi dalle altre persone!)  Non un gesto di dolore. Nulla. "Sparai" otto milligrammi di Desametazone in vena. (Più tardi compresi che fu quel cortisone, quella "bomba" a bloccare il processo infiammatorio acuto che stava iniziando ad interessare il Bulbo cerebrale)  L'istinto si ricordava che il cortisone, ed in quel momento ce ne voleva una vera bomba, protegge la pareti dei capillari e le cellule cerebrali dalla ipossia. "Non sento più il polso". La voce di Pocecco proveniva dall'esterno. Io e Lei, la N**o, eravamo insieme "chiusi in una bolla". Isolati dal mondo. Lei stava morendo. Io dovevo salvarla. Tutto chiaro. Semplice. Cosa aveva? Domanda inutile. Lei non respirava più. Dunque: doveva ritornare a respirare. Nel modo più veloce possibile. 
In quegli istanti rapidissimi che paiono non finire più, le cose da fare davvero sono le essenziali. Domande? Dopo.  Il motivo? Non lo conoscevo. Cosa avesse? Anche solo la voglia di mandare in ferie i polmoni! Non era un problema da risolvere. Inoltre nessuno era presente a dirmelo. Non c'é scritto in nessun libro ciò che devi fare in questi momenti. Sono la somma di tante esperienze diverse in cui ti sei trovato. In altre la causa la sapevi. Ma lì, al IV Piano dell'Ospedale Materno Infantile Burlo Garofolo di Trieste no. In quel momento le cause potevano anche essere uscite in giardino, a me interesseva vederla rosea. Non cianotica.   Sono situazioni in cui solo la tua esperienza, l'intuito e la immaginazione possono creare, seguendo una strada in mezzo ad un bosco privo di luci, di notte, con la pioggia senza sapere perchè ti trovi là assime a Lei. Importante è USCIRNE. Non respirava? Semplice. La dovevo intubare. Cioè farla respirare. Il cuore si era fermato? Semplice. Doveva ripartire. Presi il laringoscopio. Il muco non inghiottito inondava la faringe. Aspiratore? Il connettore era di una diversa misura. Come in Apollo 13. Uno quadrato, l'altro rotondo. Il connettore per l'Ossigeno? Idem. Non ti fermi a chiederti chi fosse stato l'idiota che ristrutturando i Reparti non abbia pensato a... No. Sei nella "Bolla". E' un lusso inutile. Stanno così le cose. Se recrimini perdi quegli attimi che fanno la differenza tra la Terra ed il Cielo. Per Lei certo. Ma anche per te. Perdere una ragazza 1 17 anni non era contemplato nella mia agenda. Altre volte avrei visto l'Angelo Nero starmi accanto. Aspettando che io fallissi. Ma in 40 anni mai gli ho dato da lavorare. "Torna. Non oggi. Non adesso. Non qui, con me. E se sarebbe sempre andato via.  Comunque pace, tanto l'Onnipotente un 21% di ossigeno nell'aria lo aveva già messo Lui. Un tubo numero 6 e mezzo. Tanto per andare sicuri. Non vedo nulla. Ma la base della lingua si, la vedevo e sollevandola con la punta arrotondata della lama del laringoscopio ecco la Epiglottide. A quel punto mi fermo, che il muco non entri in trachea. Il tubo lo misi giù alla cieca. Quasi. Tanto dietro alla Epiglottide la trachea c'è. Se invece avessi preso l'esofago, addio N**o. Ma la "Bolla" ci custodiva. Come essere in assenza di gravità. Nessun suono. Chi c'è nella stanza bene, tanto non era là dentro.
Collego l'Ambu, il pallone unidirezionale che premuto invia l'aria e lasciato espandere si riempie di altra, al tubo. Pompo. Con delicatezza. Non è il pneumatico a terra. Good! Era la trachea. Il torace, finora immobile si sollevò. Due pompate di aria e tre colpi di massaggio cardiaco Era la prima volta che lo facevo. E la mia mente era scollegata dall'ippocampo. Paura, preoccupazioni, stanchezza, tensione? No. Qualcosa o Qualcuno aveva chiuso i collegamenti. Solo la mente. Vuota da altro che non fosse il suovolto di 17enne. Bella. Troppo bella e troppo giovane. Solo io e...        "IL POLSO! C'é di nuovo!" La voce eccitata di Pocecco penetrò nella Bolla e la frantumò completamente. Alle sue parole essa ESPLOSE letteralmente. Proiettandomi nuovamente nella realtà "complessa" Ora c'erano tutti. Ora Lei, la ragazzina che un mese prima aveva avuto in campeggio poche linee di febbre, come quelli che avevo visto da studente, era di nuovo viva. Solo quello contava. Assicurare il Butterfly e fissare alla mascella il Tubo. Che non uscisse. E l'Ambu che continuava a restituire ossigeno ai suoi polmoni. Cosa avesse si seppe dopo. Esattamente quella Sindrome di Guillain-Barré (**) che avevo visto da Interno prima di laurearmi. 
Otto mesi dopo, terminata la riabilitazione, N**o  invitò tutti noi a cena fuori. Era adulta ormai. !8 anni. Era bellissima. Camminava da sola dopo tanti mesi di riabilitazione. Fu una gran bella serata. Fece poi la matura. Seppi che aveva scelto Medicina. Poi un giorno la figlia di una cara amica nostra che studiava Medicina assieme a lei, mi cercò e ci incontrammo grazie a lei nuovamente. "Avrai da raccontarmi molte cose" le dissi. Lei, la N**o, annuì. Prese la bella abitudine di chiamarmi "Il mio Dottore". Ora le manderò una Mail. Appena pubblicato questo post. Le scrverò. "Nico, vai a leggere il mio Blog fresco di stampa, parlo di te!"
Ed ecco a CHI spedirò La Mail. Essa finirà nella posta elettronica di una Dottoressa il cui nome inizia per N**o, Dirigente del Servizio di Rianimazione di una Unità Cardiochirurgica  di un importante Ospedale del Nord Italia. Quale, ovviamente, non ve lo dico. 
Oggi, è Lei che fa respirare altre ragazzine cianotiche. E tante altre persone. Chi lo avrebbe mai potuto solo immaginare! NULLA avviene per caso.
Una cosa ultima, la dico. Quando finii quel turno di Guardia, uscendo fuori diretto alla mia Dyane 6 rossa, se tante volte mi ero chiesto se avessi preso la strada giusta negli studi, sentii la risposta respirando l'aria fresca del mattino estivo:
Tranquillo. La strada giusta si. La hai presa. Altro nella vita no. Non lo avresti mai potuto fare. 


  1. (*) ordine di decollare immediatamente dato ad un Pilota da Caccia p. al c., per intercettare un velivolo sconosciuto da identificare o eventualmente costringere all'atterraggio o abbatterlo.       
  2. (**) Simdrome di Guillain-Barré, come si manifesta e cura
  3. (***) NDE,  dette anche Esperienze di Pre-morte. Racconti estremamenti vividi e realistici di tanti che trovandosi in una situazione di arresto cardiaco, narrano il vissuto che ricordano. Cercare su Google: Near Death Experience  (https://www.ndeitalia.it/)

Sotto: Una attuale Sala di Rianimazione e Terapia Intensiva


PENSIERO LIBERO: ORA è DELITTO.

La ex Ministro degli Interni finlandese, Paivi Rasanen, 51 anni e madre di 5 figli, cristiana luterana, Medico ed esponente del Parito Democratico cristiano finlandese, rischia una condanna a DUE ANNI DI CARCERE o forse più. Il motivo: Colpevole di OMOFOBIA. In un suo Tweet ha citato la Bibbia, il Nuovo Testamento, Romani, 1, 24 - 27: <<24Perciò Dio li ha abbandonati all'impurità secondo i desideri del loro cuore, tanto da disonorare fra loro i propri corpi, 25perché hanno scambiato la verità di Dio con la menzogna e hanno adorato e servito le creature anziché il Creatore, che è benedetto nei secoli. Amen. 26Per questo Dio li ha abbandonati a passioni infami; infatti, le loro femmine hanno cambiato i rapporti naturali in quelli contro natura. 27Similmente anche i maschi, lasciando il loro rapporto naturale con la femmina, si sono accesi di desiderio gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi maschi con maschi, ricevendo così in se stessi la retribuzione dovuta al loro traviamento.>>
BENE! Anzi MALISSIMO... Il tutto è iniziato cari miei lettori dopo il 1964... Negli USA la rivoluzione dei "Figli dei Fiori" culminata con i grandi Raduni Rock, la "Tre giorni" di Woodstock nel '69 e la invasione della  Isola di Wight nel '70 dove decine di migliaia di ragazzi e ragazze e inneggiavano al libero amore "OLTRE" ... oltre agli schemi del passato prossimo e della morale basta sul "MATTONE" costituito dalla Famiglia su tradizione Giudeo - Cristiana. La Ministro Palvi Rosanen è stata letteralmente assalita dai movimenti LGBT, ormai talmente tutelati anche dal solo dallo sfiorare di una Parola non della Ministro, ma di San Paolo, da poter essere invidiati come se avessero una scorta di polizia degna di un Regnante. E questo, amici sta arrivando in Italia con il DL ZAN, che porrà come obbligo il sacro neppure laico, ma anarcoide e pure antiscientifico DOGMA LGBT di GENERE che ormai DEVE essere considerato "fluido". Una vera violenza psico socio educativa nei confronti di un Paese alla frutta, anzi all'ammazzacaffè com'è l'Italia ora. Doveva essere la ultima delle priorità davanti alla fila dei Professionisti che attendono un pasto caldo nelle Parrocchie. Invece pare che sia diventato il nuovo SALVA POPOLO ITALICO oltre al vaccino, i Nuovi Messia del NULLA.

Pericoloso Monaco, Frate francescano, agisce da terrorista mobilitando le Forze dell'Ordine in piena notte romana.

(Ultimi giorni di Aprile 2021)

Piazzato sulla scalinata della Madre di tutte le Chiese, la Basilica di Santa Maria Maggiore, Sfidando il coprifuoco, le regole sanitarie imposte (ehh già, il covid "a mezzanotte va, sull'onda del piacere...) cioè il coprifuoco, attentava alla pubblica sicurezza, senza mascherina, pregando Compieta prima del sonno assieme ad un gruppetto di fedeli, senza mascherina anch'essi. 
Circondati da tre vetture della Mobile, da due vetture della Polizia Municipale (degne di più nobile impresa... ma chi cavolo c'è al Ministero degli Interni? @#@#!) è stato spinto e immobilizzato contro una di queste vetture. Interrogato e identificato sommariamente. Spinto a terra (un uomo santo di anziana età! Ecche bravi questi, mentre i Casamonica fan festa altrove impuniti magari!) ammanettato pure e fors'anche con la accusa di resistenza a pubblico ufficiale, violati non so quanti DL e DPCM, è stato gettato come un sacco dell'immondizia dentro le fauci di una vettura trgata Polizia (o Inferno secondo alcuni testimoni) e portato... non si sa ben dove. Gli altri terroristi, dopo essere stati identificati sono stati fatti allontanare. 
Mi ricorda le scene di qualche film di fantascienza. Invece di cronaca si tratta. Ancora una volta ci siamo fatti ridere dietro da tutto il pianeta. Chi è analfabeta ha visto il video, in diretta. "Virale" in tutto il mondo. E tutti han riso di ciò che resta - brandelli- della espressione geografica (Metternich) chiamata Italia. Si, perchè null'altro di essa sta per rimanere. Benvenuto, Nuovo Alto Medioevo. Benvenuti, uomini ai quali una divisa mette in animo di comportarsi come Schwarzenegger. Azioni ridicole. Neppure da commentare se non mi sentissi sempre meno appartenente a questa Nazione che Nazione mai è diventata. Dopo gli imbrogli del 1861. A questa preferivo di gran lunga lo Stato Pontificio. Ah! Sapete la sorte di coloro che avrebbero osato fare ciò al tempo di un Pio IX ? Morte per impiccagione. Ma si sa. Mala tempora currunt.



Apice


Crisanti: AstraZeneca è sicuro. "Trombosi? Più rischioso l’aereo"

(omissis)

"Ma ha idea di quanti casi fatali di trombosi venosa profonda si verificano ogni anno per i viaggi in aereo? Cinque su 10mila, 500 su un milione, ovvero 500 volte in più degli eventi avversi di AstraZeneca. E per questo non andiamo più in aereo? Ma per favore".
Bene, Dottor Crisanti...Ma sa... Nessuno la OBBLIGA a volare in aereo, che ne dice ??? Eppoi quel "per", significa "a causa di" o "per il numero dei voli" ? Perchè vede, Dott. Crisanti. Io un po' di Medicina Iperbarica in Rianimazione la ho dovuta studiare e ciò di cui lei parla noin sta nè nei cieli dei cieli nè nel beato Nirvana. Lo confesso.. ho visto TANTE embolie e gravi conseguenze da immersioni con bombole ma per i viaggi in aeromobile (o Vettore, il termine tecnico) mai in 40 anni ho avuto la felice sfortuna di vedere UNO, MA UN CASO SOLO di ciò che Lei attribuisce ai voli aerei. Poi, Collega Crisanti... sa una cosa? Non è mica obbligato a prendere l'aereo, no nono! Esistono anche i viaggi in automobile, in Pullman, in Treno... oppure starsene a casa. Come, Collega, non esistono solo i vaccini.. nono... esistono le Terapie domiciliari per le quali lo stesso Ministro Spoeranza, con gli anticorpi monoclonali si è interessato molto ed il Generale Figliuolo ne ha acquistate 150.000 dosi... Che ne dice? Perchè mai fare il vaccino il quale anche se "dà meno morti dei viaggi aerei" da molti altri effetti collaterali molto gravi.. mentre ci sono già a disposizione gli Anticorpi Monoclonali e la Terapia Domiciliare con pochi farmaci essenziali? Le ricordo la Aspirina, i FANS, la Idrossiclorochina... Che ne dice Collega? Facciamo un "Consulto"? Alla vecchia maniera? Ah scusi dimenticavo... OBLIAVO come dice Bud Spender in uno dei suoi film piu' famosi... oggi esiste la AIFA che ordina a tutti la "Vigile attesa, e la Tachipirina". Giusto, giusto...mah...

(ma quanto cavolo potere hanno le multinazionali...)

Da "QUOTIDIANONAZIONALE" 7/4/2021

ISRAELE E GAZA. 

UNA STORIA CHE RISALE AL 1948



IN COSTRUZIONE



il-senso-della-vita-è-il-viaggio-non-la-metalettera-aperta-di-un-medico-al-generale-figliuolo